Tradizione e generazione

Albergatori per vocazione

Durante le vostre vacanze nelle Dolomiti, saprete apprezzare la secolare tradizione ladina. San Vigilio prende il nome di “Al Plan de Mareo” nella lingua locale, che in Alto Adige è ancora parlata da 18.000 persone e coesiste con i gruppi linguistici italiano e tedesco.

Il Corona è l’albergo più ricco di tradizione di San Vigilio. Costruito nel 1505 dal Cavaliere Giovanni da Ras, l'edificio fu per lungo tempo sede amministrativa delle terre circostanti. Divenuto albergo nel 1772, è da allora rinomato per la sua atmosfera ospitale.

 

La struttura si è trasformata da albergo a wellness hotel all’avanguardia, dove è possibile trascorrere una vacanza circondati dal fascino delle dolomiti. L’hotel trasmette forza e calma. Alcune delle sale ricordano ancora i tempi passati, come la Sala dei Cavalieri con il suo bel caminetto, la “Stube” con tavole in pino cembro e gli antichi paralumi. Il ristorante, con pareti rivestite in legno, è caratterizzato dalla tradizionale stufa (Bauernofen). Una serie di cristalli si inseriscono sapientemente nell’ambiente.

 

Da più di 100 anni, il Corona è di proprietà della nostra famiglia, una famiglia di “albergatori per vocazione”, da ormai 7 generazioni.

 

 

Robert

Il titolare. Albergatore per passione, nato e cresciuto qui, ama le montagne ed è un appassionato motociclista.

 

Rosmary

La titolare. Formazione nell’arte di curare con le pietre secondo Michael Gienger, Edelstein-Balance (equilibrio delle pietre preziose) secondo Monika Grundmann, istruttrice Shaolin-Qi-Gong e formazione in tecniche di regolazione bioenergetica secondo Körbler. La sua più grande passione è la pasticceria fatta in casa.


Catarina

La loro figlia. Frequenta con passione il liceo artistico-pedagogico ed è sempre sui monti con il suo amato cavallo.


Emma

La titolare senior. Ha 95 anni e si interessa ancora della gestione dell’hotel.


Sonaj

Il gatto di casa. Adora vagabondare e per questo è conosciuto in tutto il paese.